#chefaticapalleggiare una challenge per donare

21 Marzo 2020 / di Mirko Rossetti
#chefaticapalleggiare: la challenge lanciata dai ragazzi di chefaticalavitadabomber diventa virale sui social e le donazioni superano ogni previsione.

#chefaticapalleggiare: come nasce l’idea

Il 13 di marzo esce su Instagram il primo video, il primo capitolo di una delle storie più belle nel triste periodo del coronavirus. Ma facciamo un passo indietro e andiamo a ripercorrere le tappe che hanno portato i tre ragazzi di CFVB a partorire l’idea.

Il Covid-19, il messaggio all’Italia del Premier Conte e i decreti legge straordinari costringono tutti a rimanere chiusi in casa, senza contatti con il mondo esterno se non per prime necessità. Fatto il punto sulla situazione, con uno stivale obbligato a rimettersi a lucido, le cose da fare non sono molte. Portare il divertimento nelle case degli italiani, con l’obiettivo di raccogliere un contributo per dare una mano a chi lotta in prima linea, gli Ospedali italiani.

Mercoledì 11 marzo la prima telefonata tra i 3 ragazzi di chefaticalavitadabomber o meglio la prima “face to face to face call“. Le idee sembrano buone, e dopo pochi minuti la decisione viene presa all’unisono.

#chefaticapalleggiare questo sarà l’Hashtag, palleggiare con qualsiasi cosa la challenge e gli Ospedali italiani i destinatari di questa raccolta benefica.

 

#chefaticapalleggiare: Si parte!

Fabio con il secchiello del figlio, Emanuele con un uovo e Michel con un rotolo di carta igienica, danno il via alla Challenge-Donazione. Come ogni challenge, ciascun partecipante dovrà raccogliere la sfida e nominare a sua volta 3 amici e sfidarli a colpi di palleggi formato donazione.

#chefaticapalleggiare fa il suo ingresso nella community e dopo alcuni minuti diventa subito virale. Il centrale difensivo della Lazio e dell’Italia Francesco Acerbi raccoglie subito la sfida e dopo aver accennato qualche palleggio con una palla medica, rilancia l’hashtag #chefaticapalleggiare ai suoi compagni di squadra. Ciro Immobile, l’attaccante della Lazio e capocannoniere del Campionato di Serie A addomestica perfettamente l’assist del compagno e con un peluche della figlia sigla l’ennesimo gol della sua straordinaria stagione. Si Parte!

 

La donazione non ha colore

E’ da queste cose che l’Italia deve ripartire, è da questi piccoli gesti che può tornare a fare la differenza. I giocatori si divertono e inconsapevolmente fanno divertire anche tutti i loro tifosi. Tutti uniti sotto una stessa bandiera, senza distinzioni di club o fede calcistica, senza rivalità o rivalsa, ma semplicemente uniti. “Solo rimanendo uniti ce la faremo“! Dallo storico capitano della Roma Francesco Totti al suo discepolo Nicolò Zaniolo. Dal centrocampista del Cagliari Radja Nainngolan al difensore del Napoli Kalidou Koulibaly, tutti pronti a fare la loro parte. Anche nel mondo del calcio femminile inizia a prendere piede #chefaticapalleggiare e proprio dai suoi volti più importanti prende ancor più corpo.

Da Valentina Giacinti capitano del Milan, all’attaccante della Juventus e della Nazionale italiana Cristiana Girelli, tutte insieme, perché la donazione non ha colore. Più di 400 giocatori e giocatrici di Serie A , B e Lega Pro decidono di sposare il progetto e la frase – “Donate per gli Ospedali italiani” – diventa così il punto focale di tutta l’iniziativa.

 

#chefaticapalleggiare: Non è solo calcio

Il calcio come un treno ad alta velocità entra nelle case degli italiani e allo stesso modo come mezzo di trasporto comunicativo “contagia” tutto il mondo dello sport. Dalla palla a spicchi arriva un bel tiro dall’arco dell’ala grande del Baskonia Achille Polonara che apre così il parquet delle donazioni cestistiche. Sempre dai palazzetti, ma questa volta sotto rete arriva anche il palleggio di Filippo Lanza. Lui schiacciatore di professione ma che per una giusta causa si trasforma in un perfetto palleggiatore solo per fare spazio ai suoi colleghi pallavolisti. Se di rete vogliamo parlare, come dimenticare la campionessa Sara Errani, che con un servizio di grande qualità apre le porte agli appassionati del tennis. Nel mondo del rugby #chefaticapalleggiare fa meta fin da subito. Nella pallanuoto con un campione come Niccolò Gatti dalla nostra parte, il passaggio da un cinque virtuale ad un settebello da incorniciare, viene naturale.

 

La donazione è condivisione, la donazione non conosce confini

L’Italia ha risposto presente, ma quello che sta accadendo in giro per il mondo ha sorpreso un po’ tutti. Dal calcio brasiliano a quello degli Emirati Arabi, passando anche per quelli più blasonati come quello di sua Maestà, la Premier League. Tanti i protagonisti scesi in campo e che questa volta tra le mura di casa, ci hanno regalato qualche sorriso e qualche speranza in più. Marcos Alonso del Chelsea ha aperto il tunnel della Manica portando il nostro #chefaticapalleggiare anche nelle case degli appassionati britannici.

Pensare che tra un sorso di tè e un biscotto, qualcuno ha deciso di partecipare alla Challenge-Donazione, è una sensazione fantastica. Fa riapparire nelle menti un giovanissimo Will Smith nella sigla dell’intramontabile “Principe di Bel-Air“, quando cantava “Beh, tanto male non è!“. No, non lo è per niente, perché il messaggio deve continuare a girare più veloce di quel maledetto virus. Solo così avremo la possibilità di tornare molto presto a palleggiare e questa volta, tutti insieme all’aria aperta.

 

Dalla musica ai fornelli passando per gli youtuber

#chefaticapalleggiare però non è solo per gli sportivi. Mario Fargetta, disc jockey tra i più conosciuti in Italia, grazie ai suoi successi musicali e al programma radiofonico su Radio Deejay non ha di certo per il “tempo”.

Un “crossover elettronico” ha aperto le frequenze per i colleghi, da Dj Shorty altro componente di Radio Deejay, a Cristian Marchi tra i produttori di electro house più famosi al mondo.

Dai vinili alle pentole, da dj ai cuochi il disimpegno sembra opera del miglior regista, e allora il pallone questa volta formato limone passa nelle mani di Andrea Mainardi. Lo Chef televisivo di punta di programmi come “La prova del cuoco” di Rai 1, e di “Ci pensa Mainardi” su Fox Life, accende i fornelli sulla donazione e la ricetta sembra funzionare. Ma non è finita qui, perché la ciliegina sulla torta arriva dall’ universo degli youtuber e da uno degli esponenti più popolari, Salvatore Cinquegrana, conosciuto come Surry. Con i Mates sta segnando un record dopo l’altro e ad oggi è senza dubbio uno dei primi 10 youtuber in Italia, e grazie alla sua partecipazione come giudice nel programma condotto da Michelle Hunziker e J-Ax, “All Together Now” è entrato a far parte dei protagonisti del piccolo schermo.

 

#chefaticapalleggiare: la community

La community di chefaticalavitadabomber ha dimostrato ancora una volta a tutti di essere fatta prima di tutto, da persone con un grande cuore. Chi 1 euro, chi 5 e chi 10, tanti di loro hanno voluto dire con un piccolo gesto, “Noi ci siamo!” Migliaia i video inviati, milioni i palleggi sostenuti e tante, tantissime risate. Il ruolo della Fanbase è stato fondamentale e a loro va il ringraziamento più speciale. Questo per CFVB non è un punto d’arrivo, ma un punto dal quale ripartire, ancora più forti e ancora più uniti… perché #insiemecelafaremo.

Avatar
Scritto da

Mirko Rossetti