Pepe Reina
Chefaticalavitadabomber live con Pepe Reina. Continuano gli appuntamenti con le interviste in diretta Instagram sulla community di Chefaticalavitadabomber. Da una parte per il Team di CFVB, Emanuele Stivala, dall’altra l’ex portiere di Liverpool, Napoli e Milan, Pepe Reina.

 

Chefaticalavitadabomber live con Pepe Reina: “Positivo al Covid-19, ora sto bene!”

La positività al Covid-19 sembra essere oggi, solo un lontano ricordo per Pepe Reina. L’estremo difensore non ha passato momenti semplici, ma ora è tornato ad allenarsi e a fare i compiti a casa. “Sto bene! Sono a casa con la famiglia e sto facendo tanti compiti con i miei 5 figli. Diciamo che ho dovuto affrontare alcuni giorni non semplici, ma ora mi sento bene. La società mi ha allestito una piccola palestra a casa e sono tornato ad allenarmi con costanza”.

Ti sei perso Chefaticalavitadabomer live con Alino Diamanti (Clicca qui)

 

Chefaticalavitadabomber live con Pepe Reina: uomo prima di essere giocatore

La chiacchierata tra uno dei tre volti di Chefaticalavitadabomber, Emanuele Stivala e il portiere ex Napoli Pepe Reina, ha affrontato tante tappe della carriera e della vita del numero 1. “Per me è sempre venuto prima il rapporto con le persone, e poi la performance in campo. Mio padre mi ha insegnato tanto dei valori della vita ed io ho sempre fatto di tutto per rispettarli. Prima è importante l’uomo, poi il giocatore. I tifosi, i dirigenti e gli allenatori con i quali sono sceso in campo, questo l’hanno sempre capito e per me è fondamentale”.

 

Chefaticalavitadabomber live con Pepe Reina: Il calcio che mi piace

L’assist dalla regia non poteva che essere calcistico, un filtrante teso pronto a scomodare le idee di calcio di uno dei portieri più completi di sempre. La prima battuta dedicata agli estremi difensori che hanno fatto la storia e che ancora oggi hanno uno spazio particolare nel cassetto dei ricordi di Pepe Reina. “Non posso fare un solo nome, perché per ogni epoca c’è stato almeno un portiere di livello. Zubizarretta era il mio idolo da bambino. Buffon ha scritto pagine importanti del calcio. Casillas e Schmeichel due portieri di altissimo livello. Tra i migliori del calcio del presente c’è sicuramente Gigi Donnarumma, un portiere giovanissimo ma già in grado di fare la differenza”.

La palla è poi passata dalla linea di porta a quella difensiva. Un lancio lungo a scavalcare il centrocampo, uno stop semplice e un’idea molto chiara sul più forte di tutti. “Lionel Messi oggi è il giocatore più forte di tutti!”. Così si conclude la diretta Instagram sulla pagina di Chefaticalavitadabomber, senza però dimenticare il piccolo show architettato da EmaCFVB per il buon Pepe Reina. Chi con un parrucca improvvisata con pantaloncini sfilati da sotto il tavolo, chi con i capelli prestati dalla figlia più grande, il saluto alla fan base è unico. “Siete importanti! Fate una delle cose più belle, ci fate ridere e ci tenete compagnia e in questo momento non è di certo semplice. Non vedo l’ora di fare la prossima diretta!” Pepe Reina l’uomo con i guantoni da portiere.

 

Pepe Reina: Carriera e titoli

Pepe Reina è nato il 31 agosto 1982 a Madrid. La sua carriera inizia nel settore giovanile del Barcellona, dove segue tutta la trafila dal 1995 al 2002 fino all’esordio in prima squadra. Nel 2002 viene ceduto in prestito al Villarreal e nel 2004 il club, ne acquisisce totalmente le prestazioni, inserendolo a titolo definitivo nell’equipaggio del “Sottomarino Giallo“. Nella stagione 2004-2005, conquista insieme ai suoi compagni la storica qualificazione alla Champions League.

 

Liverpool un club chiamato casa

Nella stagione successiva passa al Liverpool e in poche partite si guadagna la fiducia di tutti, mettendo a sedere in panchina un portiere come Dudek. Nel Palmares personale di Pepe Reina in quegli anni fantastici ci sono ben due “Guanti d’Oro” massimo riconoscimento al mondo per un portiere. Con i Reds sfiora una Champions League al primo anno e si guadagna con il passare del tempo la fiducia dei tifosi. “You will never walk Alone” non è solo un inno da queste parti, ma una vera ragione di vita per chi sceglie di credere e venerare il tempio dell’Anfield.

 

Napoli, Bayern Monaco e Milan

Nel 2013 passa al Napoli in prestito dove ritrova il suo vecchio allenatore Rafael Benitez. La stagione successiva il Bayern Monaco lo acquista come vice di Neuer e il campo lo vedrà solo in 3 occasioni. Nel 2015 torna a Napoli a titolo definitivo e rimarrà ai piedi del Vesuvio per 3 indimenticabili stagioni. Nel 2018 decide di non rinnovare e come svincolato passa al Milan a parametro zero. Il 13 gennaio passa in prestito all’Aston Villa fino al termine della stagione. Con la Nazionale spagnola il portiere vince: un Mondiale nel 2010, due Europei nel 2008 e nel 2012.